venerdì 15 aprile 2011

Crostata alla crema di ricotta per Xanthe

Oggi finalmente ho avuto un po' di tempo per cucinare e fotografare e ne ho approfittato per utilizzare uno dei prodotti che Molino Chiavazza mi ha gentilmente inviato la scorsa settimana. Un bel pacco pieno di farine di ogni genere. Non potete immaginare la mia contentezza nel ricevere i pacchi a casa!

Se volete leggere perché e per come io faccia pubblicità ad alcuni marchi vi rimando alla pagina Pubblicità e Collaborazioni di questo blog perché tengo molto che i miei lettori si fidino di me e comprendano che le collaborazioni che ho sono solo ed esclusivamente con marchi di cui mi fido!
Comunque oggi finalmente ho inaugurato le loro farine e ho preparato una bella crostata. Anche perché sapevo che avrei avuto la compagnia della bambina più bella e golosa del mondo (figlia della mia cugina americana di cui vi ho già parlato qui). Innamorata pazza di lei posso non viziarla? Siamo io e lei e mi sta aiutando con il post mentre continua a chiedermi "iaia (sarei io), quando cookies?". Fortunata lei, parla mezzo inglese e mezzo italiano. E ha 2 anni e mezzo.

Invece della frolla ho preparato la Pâte Sucrée di Felder al cacao che avevo già preparato per le tartellettes ma che oggi ripropongo con la farina 00 Molino Chiavazza. Se avete la vostra ricetta di frolla infallibile usate pure quella. Ho farcito poi la crostata con crema di ricotta. Una ricotta di pecora, ovviamente, ma non la consueta ricotta del contadino di Mazzano. Questa volta la ricotta è stata presa da mia sorella e mia madre a Sacrofano nel caseificio della fidanzata del fratello del padre di mio nipote (il fidanzato di mia sorella) che, a detta di mia madre "ha una stanza dove lavorano il formaggio che è di una pulizia incredibile! Nemmeno il salone di casa nostra è mai stato tanto lindo!".

Crema di ricotta classica, siciliana. Ricotta e zucchero. E se volete aggiungere aromi, cioccolata, arancia, cannella, vedete voi! Io ci ho messo solo uno strato di marmellata di lamponi e ribes che stempera il dolce della crema con una bella nota acida. Avessi avuto la marmellata di visciole….

Le dosi della pâte sucrée sono per una grande crostata ma io ne ho preparata una più piccola con metà impasto e il resto l'ho messo in freezer per averla pronta in futuro. Le dosi della crema di ricotta sono per farcire una crostata di circa 15 cm di diametro.

La suddetta crema di ricotta è la crema usata per farcire i cannoli o gli iris o altro, no è una crema molto compatta e resterà un po' morbida. Volendo si può aggiungere un foglio di gelatina o altro addensante per renderla più compatta. Ma che vi devo dire? A me la ricotta piace proprio così com'è e preferisco lasciarla al naturale e poco importa se non sarà perfetta...

Per la pâte sucrée al cacao
farina 00 Molino Chiavazza 225 gr
burro morbido 150 gr
zucchero a velo 95 gr
uovo 1
farina di mandorle 30 gr
cacao amaro in polvere 15 gr
zucchero vanigliato 15 gr
sale 1 presa

Per la crema di ricotta
ricotta di pecora 200 gr
zucchero 80 gr

Preparare la pâte sucrée lavorando il burro con la farina di mandorle, lo zucchero la vaniglia e il sale. Aggiungere l'uovo e alla fine la farina e il cacao setacciati.
Lavorare poco (giusto il tempo di incorporare la farina) e formare una palla. Avvolgere con la pellicola e lasciare in frigo almeno 2 ore.
Stendere la pasta a circa 3-5 mm di spessore e rivestire la tortiera avendo cura di creare un bordo altro circa 2 cm. Rimettete in frigo per almeno 30 minuti.
Cuocere la crosta in forno per 25 minuti a 170°.
La cottura deve avvenire "in bianco": disponete perciò della carta da forno con gli appositi pesi oppure del riso.
Intanto mettete la ricotta in un colino con una garza sotto in modo da far colare il più possibile il siero ed ottenere una ricota il più possibile asciutta. Lavorate con la frusta la ricotta "strizzata" e lo zucchero per circa 5 minuti. Lasciar riposare in frigo. Fate raffreddare la crosta, farcite con la crema di ricotta e un velo di marmellata. Riporre in frigo per far addensare la crema. Ho utilizzato poca pasta per fare dei biscottini che ho cotto a parte per circa 10 minuti e che ho usato per guarnire la crostata.

21 commenti:

  1. mi piace proprio questa torta :-) l'abbinamento ricotta e marmellata anche con il pane è buonissimo !!

    RispondiElimina
  2. Oggi il pacco è arrivato anche a me e sono felicissima!!!!
    Questa crostata è veramente deliziosa!!! Un bacione e buon w.e.!!!

    RispondiElimina
  3. deve essere deliziosa, apprezzo molto anche io :))))

    RispondiElimina
  4. brava giovanna, torta bellissima e chissà che sapore meraviglioso con la ricottina :-)

    RispondiElimina
  5. Ma quanto è bella. Buona lo sarà sicuramente. Devo dirtelo hai un certo gusto per le decorazioni e le presentazioni. Sono sempre semplici, casalinghe, ma molto raffinate. un bacio

    RispondiElimina
  6. che bella e che buona...le decorazioni sono sempre speciali nei tuoi piatti. Brava!

    RispondiElimina
  7. @Carola concordo!
    @Patrizia buon week end a te cara!
    @Angela stessi gusti di Xanthe... ;)
    @Passiflora ricotta fan io:)
    @Sara Grazie mille, sei sempre gentilissima
    @Strawberryblonde troppo gentile! :)
    @lerocherhotel grazie!

    RispondiElimina
  8. che bella questa crostata! con i prodotti che hai utilizzato sarà anche buonissima... però devo confessarti una cosa: mi si sono icrociati gli occhi quando ho letto: "fidanzata del fratello del padre di mio nipote (il fidanzato di mia sorella)"... veramente non riesco a sciogliere questa sequenza intricata di parentele! ahahahah è grave? devo preoccuparmi? ahahahah un bacio!

    RispondiElimina
  9. Giovanna che ricetta superba e meno male che alla fine mi hai detto il fidanzato di mia sorella, altrimenti ero qui ancora a cercare di capire chi fosse :-))) a me la ricotta piace così morbida e delicata! baci

    RispondiElimina
  10. Una vera delizia!!! Complimenti cara, un bacione

    RispondiElimina
  11. Complimenti.....bella davvero e scommetto buona.......credo che la rifaro'..........

    RispondiElimina
  12. molto molto interessante e poi non hai provato l'abbinamento ricotta - marmellata.
    buona settimana

    RispondiElimina
  13. ciao! grazie del tuo commento, ti rispondo qua sui carciofi perchè in questi giorni non ero a casa :)
    comunque, erano carciofi della varietà romana, quelli belli grossi e tondi tondi. Di solito io preferisco il carciofo ligure (quello di Albenga è favoloso...) ma una volta puliti non sono grandissimi. questa volta ho voluto cambiare ed usare un carciofo bello "importante" che bastasse come singola porzione :)

    ma passiamo alla crostata! la crema di ricotta alla siciliana...ecco quella è una delle cose che mi fanno impazzire, del tipo che mangerei 10 cannoli scavandoli col cucchiaino solo per avere la farcitura :D

    RispondiElimina
  14. Molto bella oltre ad essere buona
    ciao

    RispondiElimina
  15. credo che tutti mettano nel piatto solo prodotti fidati, a prescindere dalle collaborazioni! E credo che nessuna di noi si comporterebbe in maniera diversa!
    Comunque complimenti per questa magnifica crostata, è davvero splendida!
    Ti auguro una buona giornata!

    RispondiElimina
  16. Ciao cara,passavo di qui e mi sono subito unita ai tuoi sostenitori.
    Ti invito a passare da me e ad unirti ai sostenitori qualora il mio blog ti piacesse,così da non perderci di vista..
    A presto.
    http://dolcimomenticupcakes.blogspot.com/

    RispondiElimina
  17. bellissima.. è perfetta.. e chissà che bontà....

    RispondiElimina
  18. Qui ti sei superata!!!!!!!
    Xanthe ha apprezzato?

    RispondiElimina
  19. piacere di conoscerti e scoprire il tuo blog! bellissima questa crostata alla ricotta. ci siamo anche noi tra i tuoi sostenitori! Giorgia & Cyril

    RispondiElimina

Lascia un commento!