lunedì 26 novembre 2012

Gnocchi alla romana per il pranzo della domenica


Per il pranzo della domenica non c'è nulla di meglio che coccolarsi con qualcosa di caldo e al forno. Anche se si è solo in due ;). E questi gnocchi alla romana (fatti di semolino) danno davvero una grande soddisfazione... sarà che nonna me li preparava sempre ma io questi gnocchi li adoro! La ricetta originale prevede solo un po' di burro e parmigiano ma il piatto si presta a infinite varianti.

La verità è che questo piatto è nato dagli avanzi che andavano finiti (come quel pezzetto di ottimo speck montanaro, la crosta di Gran Kinara che ho scarnificato fino all'osso e il pezzetto di Lou Blau riuscito a scampare alla follia mangia-formaggi che ogni tanto mi prende e che le Fattorie Fiandino, con il suo contest2012 ha incentivato!)... ne è uscito fuori qualcosa di davvero invitante!


A casa mia gli gnocchi di semolino si facevano solo quando mia madre mi preparava il tanto agognato semolino (si, io lo a d o r a v o e lo adoro tutt'ora nonostante sia considerato un pasto da ospedale)... ne preparava in eccedenza in modo da farne, il giorno dopo gli gnocchi.


Gnocchi alla romana
per 4 persone

Per il semolino (che si può preparare anche il giorno prima):
latte 1 lt (si può anche usare l'acqua)
semolino 250 gr
uova tuorli 2
parmigiano 2 manciate abbondanti
burro 1 noce
noce moscata qb
sale 1 pizzico

Versare il latte in un tegame con la noce di burro, il sale e una grattugiata di noce moscata.
Quando bolle versare a pioggia il semolino e mescolare energicamente con la frusta per evitare che si formino grumi. Cuocere a fuoco basso fino a quando non sarà addensato.
Togliere il tegame dal fuoco e aggiungere i tuorli d’uovo e il parmigiano. Disporre il semolino su di un piano (con uno spessore di circa 2 cm) e lasciare freddare. Con un taglia biscotti tondo ricavare tante rotelle da disporre su una teglia unta (avendo cura di mettere i ritagli di semolino sul fondo).

Per il sugo:
burro 1889 50 gr
Gran Kinara 70 gr
Lou Blau 50 gr
funghi freschi 300 gr
speck 2 fette non troppo sottili
aglio 2 spicchi
olio qb

Pulire i funghi e cuocerli in padella per 8 minuti a fiamma alta con un goccio di olio e l'aglio. Tagliare a striscioline lo speck. Versare i funghi e lo speck nella teglia dove sono disposti gli gnocchi avendo cura di spargere bene il tutto e di inserirlo anche un po' tra le fette. Aggiungere fiocchetti di burro e Gran Kinara e infornare in forno già caldo a 200° per circa 20 minuti (o fino a quando non si sarà formata una bella crosticina dorata).

16 commenti:

  1. Questi gnocchi sono invitantissimi!! Con l'inverno che arriva, sono proprio un antidoto anti-gelo......Uno scalda anima!!! Bravissima!

    RispondiElimina
  2. Buoni, li ho fatti un paio di mesi fa e ho ancora del semolino … mi sa che domani son gnocchi alla romana :)

    RispondiElimina
  3. mi piace l'idea di questo condimento!
    buona giornata
    Alice

    RispondiElimina
  4. Nooooo! Li abbiamo fatti anche noi ieri :))) Però al gorgonzola :P

    RispondiElimina
  5. Un piatto fantastico, complimenti!!! Non ho mai fatto gli gnocchi alla romana, devo rimediare :) un bacio!

    RispondiElimina
  6. deve essere proprio appetitosi questo gnocchi alla romana, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. ah beh ma così sono ancora più ricchi! li ho mangiati solo nella versione "original" la prossima volta provo a seguire il tuo esempio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava! largo alla fantasia... e ai propri gusti ;)

      Elimina
  8. I gnocchi alla romana mi piacciono ...bella la tua versione
    ciao

    RispondiElimina
  9. Ciao Giovanna! Sono Cristina di cucinandoindue. Abbiamo ricevuto il Sunshine Award, che prevede di girarlo a nostra volta ad altri blog che riteniamo “favolosi”. :-D Nella nostra top ten non poteva mancare il tuo, che corriamo a visitare appena abbiamo un attimo di tempo, fonte di ispirazione! Ti preghiamo di accettare questo umilissimo premio, fatto col cuore, per farti sapere che ti seguiamo con tanta stima! http://cucinandoindue.blogspot.it/2012/12/abbiamo-ricevuto-il-sunshine-award.html

    RispondiElimina

Lascia un commento!