venerdì 12 ottobre 2012

Challah al miele


Ormai io e la Challah siamo una cosa sola... l'impasto non ha più segreti per me e ho deciso di provare tutte le varianti!

Questa che vi propongo oggi è una Challah addolcita dal miele, una Challah tipica del Capodanno ebraico, il Rosh Hashanah, e in questa occasione la Challah diventa tonda, a simboleggiare il ciclo della vita e viene usato il miele per augurare dolcezza (oltre tanti altri cibi simbolici che potete studiare qui).


Il cibo ebraico e più in generale i cibi legati alla religione, mi affascinano molto... legato a moltissime tradizioni e storie... qui a Roma, poi... la nostra cucina non è davvero romana bensì giudaico-romanesca! Abbiamo preso moltissimo dalle tradizioni culinarie ebraiche!!


Vi riscrivo la ricetta che è uguale alla Challah semplice ma con l'aggiunta del miele. Se volete vedere qualche passaggio fotografico andate al post precedente.

Con questa ricetta partecipo (sul filo del rasoio) al Contest della Rigoni di Asiago "Un Natale dal cuore dolce". Mi rendo conto che non è una ricetta prettamente natalizia, si tratta di un'altra festività e di una religione che il Natale non lo festeggia, ma se il Natale lo si intende come lo intendo io che religiosa non sono, ossia un momento per stare insieme, cucinare fianco a fianco, preparare banchetti per concedersi un giorno diverso dagli altri, ricordarsi che essere buoni è una bella cosa, vedere persone a cui vuoi bene e che la vita ti porta a frequentare poco... allora questa ricetta è perfetta!

Per due challot al miele

lievito di birra secco 1 bustina (anche fresco, ma a me con quello fresco non viene)
acqua tiepida 2 bicchieri
zucchero 1 cucchiaio raso
uovo 1
olio di semi leggero 1/2 bicchiere (io uso quello di arachidi)
miele biologico Rigoni di Asiago 1/2 bicchiere (io ho provato sia millefiori che castagno. entrambi perfetti)
zucchero 4 cucchiai
sale 1 cucchiaio
farina 1 kg
Nocciolata Rigoni di Asiago (facoltativo)

Mescolare in una capiente ciotola il lievito con l'acqua e il cucchiaio di zucchero e far sciogliere bene il lievito. Lasciare riposare qualche minuto.
Aggiungere l'olio, lo zucchero, il sale, il miele, l'uovo e mescolare bene gli ingredienti (io lo faccio con una forchetta, mi viene meglio del cucchiaio di legno... ma fate come vi è più comodo).
Cominciare ad aggiungere la farina poco alla volta e, quando l'impasto sarà impossibile da mescolare, cominciare ad usare le mani. Una volta che l'impasto non si appiccicherà più alle mani toglierlo dalla ciotola e lavorarlo su di un piano infarinato.
Se avanza della farina non importa, se ne serve altra nemmeno, dovete regolarvi secondo la consistenza dell'impasto (e non secondo la dose di farina richiesta!) che dovrà essere elastico e non appiccicoso.
Appena smetterà di essere appiccicoso smettete di aggiungere farina altrimenti diventerà troppo duro. Lavorate bene con le mani (come si fa per la pasta fresca) almeno 10 minuti.
Formate una palla e riponete in una ciotola un pochino unta coperta da un canovaccio pulito e attendere fino a quando l'impasto non sarà raddoppiato (da 1 a 3 ore).
Tagliare l'impasto a metà e dividere ogni metà in quattro parti uguali.
Creare un serpentone con ognuna delle parti di impasto. Intrecciare il pane (vedi istruzioni fotografiche facilissime qui). Lasciare lievitare ancora fino a quando la treccia non sarà bella gonfia. Spennellare con l'uovo o con l'olio e spargere semi di sesamo o semi di papavero.
Infornare a 180° per 30 minuti circa (io ho forno ventilato) o fino a quando non sarà perfettamente dorata sopra e sotto e, facendo la prova dello stecchino, non risulterà asciutta.
NB: la copertura della Challah può essere fatta in molti modi, provate anche a cospargere zucchero di canna e cannella...
Tagliare e spalmare dell'ottima Nocciolata Rigoni di Asiago
.

12 commenti:

  1. Bellissima tutta intrecciata. BRava. Ciao a presto.

    RispondiElimina
  2. si presenta molto bene e immagino il suo profumo!!complimenti!ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, in casa c'è stato un profumo di pane misto al miele che era una meraviglia!

      Elimina
  3. Ho avuto un pò di tempo per visitare il tuo sito, complimenti! Sei simpatica e solare. Mi ha fatto piacere conoscerti. Complimenti per la ricetta bellissimo pane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille, sono lieta ti piaccia il mio blog e la challah! vengo a dare un'occhiata anche a te ;)

      Elimina
  4. ... ecco davanti a queste ricette io vado completamente in brodo di giuggiole.
    Un bacione

    RispondiElimina
  5. Questo tipo di pane dolce non l'ho ancora provato!! Questa versione intrecciata è bellissima! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bella e un po' difficile ma davvero buona!

      Elimina
  6. bello questo pane dolce, non conoscevo questa ricetta nonostante io sono andata in vacanza in Israele 2 anni fa circa, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a no? ma dai!!!! devi recuperare allora ;P

      Elimina

Lascia un commento!