mercoledì 16 marzo 2016

Pane integrale ai semi in casseruola


Tempo fa, mentre spendevo i miei soldi online in acquisti assolutamente superflui ma che sembravano davvero necessari in quel momento, girovagando per un noto sito di acquisti ho letto questa ricetta tra le proposte di pentole in ghisa varie. Non sono sicura della paternità della ricetta, onestamente ho solo segnato la ricetta su un pezzo di carta e via. Sembrava interessante e sapevo che l'avrei provato.


Ovviamente avete bisogno di una casseruola in ghisa per preparare questo pane e, se non ce l'avete, prendete in considerazione di fare questo investimento perché le casseruole in ghisa durano una vita (mia mamma ha ancora quella di mia nonna. Io me la sono dovuta procurare da sola e mi piace pensare che durerà per generazioni!) e sono favolose per infinite preparazioni.


La posto solo ora perché ho raffinato la ricetta nel tempo e vi assicuro che, seguendo i passaggi, otterrete un pane lievitato benissimo.
Ottima ricetta, davvero semplice e ovviamente i semi possono essere cambiati a piacere, secondo i propri gusti.
Fare il pane è una cosa meravigliosa e la cucina profuma di pane fresco e la soddisfazione nell'impastarlo, vederlo lievitare e poi finalmente addentarlo è insuperabile. Se avete un minimo di dimestichezza con i lievitati consiglio di tentare visto che è un pane che non richiede tanta sapienza, basta sapere impastare bene ;)


Questo pane tende ad essere mangiato senza un minimo di contenimento e non è raro farsi fuori l'intera pagnotta in due giorni. Ecco, magari evitate di esagerare e preparatelo quando avete amici a cena così siete certi che non ne abuserete da soli. Io ci preparo ottimi panini e, ovviamente, lo uso come pane da tutti i giorni.

PANE INTEGRALE AI SEMI in casseruola (la mia di 22cm)
farina di grano 0 (manitoba) 200 gr.
farina semi integrale 200 gr.
farina integrale 100 gr. (io 300 gr, non ho la semi integrale)
lievito di birra disidratato 10 gr.
sale 8 gr. 
zucchero di canna o miele 1 cucchiaio
semi vari 100 gr. (io semi di cumino di montagna, semi di girasole, semi di sesamo, semi di lino)
fiocchi di avena 1 cucchiaio
acqua q.b

Mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola o a fontana su una spianatoia tranne i fiocchi d'avena e un pugno di semi. Aggiungere acqua poco alla volta e iniziare ad impastare (ne serviranno circa due bicchieri rasi) fino ad ottenere un impasto lavorabile e non appiccicoso. Lavorare con le mani per 10 minuti fino a renderlo liscio ed omogeneo. 
NB: l'impasto è piuttosto duro e bisogna fare una bella pressione per lavorarlo. Qualora fosse troppo bagnato, aggiungere poco alla volta la farina per riequilibrare la consistenza. Se fosse troppo duro aggiungete poca acqua alla volta per vedere se l'assorbe senza diventare appiccicoso. 
Nel frattempo far bollire un poco d'acqua nella casseruola, buttare l'acqua e asciugare la pentola velocemente richiudendo il coperchio (questo passaggio serve a rendere la pentola calda e idonea alla lievitazione).
Finito di impastare formare una palla, riporre il pane della casseruola calda e coprire con il coperchio. Lasciare lievitare per almeno 1 ora. Riprendere l'impasto, pulire la casseruola da eventuali residui e lavorarlo delicatamente per pochi secondi mentre si fa bollire nuovamente poca acqua nella pentola. 
Riporre nuovamente la palla di impasto, questa volta infarinata in superficie, nella casseruola calda e asciutta e lasciare lievitare ancora per 30 minuti. 
A questo punto la ricetta diceva che l'impasto era lievitato abbastanza ma a me non è successo MAI perciò ho riposto la casseruola nel forno spento, fatto bollire una pentola di acqua e messo anche la pentola con l'acqua nel forno spento. Chiudere e lasciare lievitare ancora 30 minuti. L'umidità e il calore faranno lievitare perfettamente l'impasto. 
Passata mezz'ora controllate che l'impasto sia almeno raddoppiato di volume e se così non fosse lasciate lievitare ancora. 
A questo punto togliere la pentola con l'acqua dal forno, ricoprire la pagnotta con il pugno di semi avanzato (per far aderire i semi spargere poco poco olio sulla superficie e fare pressione leggermente sui semi con le dita) e far cuocere nella casseruola in forno, non preriscaldato, a 220° (io forno ventilato a 200°) per 30 minuti con il coperchio. Passati i 30 minuti togliere il coperchio e cuocere per 10-15 minuti fino a doratura della crosta. 
Lasciate intiepidire il pane prima di tagliarlo. 



1 commento:

  1. ma che bel pane...devo provare anche io a farlo in pentola!

    RispondiElimina

Lascia un commento!