giovedì 2 maggio 2013

Panzanella ovvero il riuso del pane secco


Continuo a non avere il mio dominio. Continuo a non trovarmi sul web visto che ricomincio da zero. Continuo ad essere demoralizzata. Non ho voglia di pubblicare post nonostante continui a cucinare. Dopo assillanti richieste del mio compagno di non mollare e di continuare a pubblicare come sempre eccomi qui a pubblicare una ricetta facile, semplice, povera e molto estiva.

Ogni regione, ogni paese ha il suo modo di riciclare il pane secco, noi romani abbiamo la panzanella ed è un piatto che amo molto e che amo servire ai miei ospiti. Inutile specificare che essendo un piatto con pochi ingredienti e sapori semplici è necessario che tutto sia buono. Pomodori buoni. olio buono. erbe aromatiche fresche.

La ricetta originale prevede un goccio d'aceto (e mia nonna ne metteva la quantità perfetta assolutamente non quantificabile) che io nel tempo ho sostituito con il limone. molto più nelle mie corde.
I cipollotti freschi sono perfetti per la panzanella ma in mancanza di questi usate pure la cipolla normale purché la teniate un po' nel limone in modo da farle perdere la pesantezza che le appartiene.


La ricetta non ha quantità precise, fate come più vi piace ;)

PANZANELLA
pane raffermo
pomodorini (io vesuviani)
cipollotti freschi
erbe aromatiche (io tanto basilico, tanta menta, un po' di maggiorana e del timo)
olio evo (abbondante)
sale qb
limone qb

Bagnare il pane raffermo con acqua fredda e lasciare ammorbidire (non troppo, non deve essere molliccio). Strizzare e sbriciolare grossolanamente con le mani in un piatto. Aggiungere le erbe aromatiche fresche e i pomodori tagliati. Aggiungere il succo di mezzo limone (o un goccio di aceto di vino bianco).
Tagliare i cipollotti freschi a fettine sottili (se usate la cipolla tagliare a fettine sottili e lasciare in una ciotola a macerare nel succo di limone per almeno 15 minuti, scolare e aggiungere alla panzanella) e aggiungerli alla panzanella.
Condire con abbondante olio extra vergine di oliva (siate generosi o avrete una panzanella secca) e sale. Assaggiare e aggiustare di olio e sale. Riporre in frigo per lasciare insaporire.
Tirare fuori dal frigo prima di servire e godere del piatto più semplice e più buono che c'è.



5 commenti:

  1. Ciao Giovanna! Avevo perso di vista te e il tuo problema di dominio.
    Capisco appieno l'esorbitante rottura di maroni (non mi vengono descrizioni edulcorate) e la demoralizzazione, ma concordo con il tuo compagno: non ti perdere d'animo e non perdere la voglia di pubblicare ricette..il resto, con santa pazienza si risolverà!
    Io intanto ti segnalo che il link ai feed è quello vecchio...sostituiscilo (come ho fatto io) con questo http://burroealici.blogspot.com/feeds/posts/default e diciamo a tutti di reinserirti nei buoni e vecchi reader.

    La panzanella è un grande classico... qui in Piemonte dovrei studiare se esistono piatti per il recupero del pane raffermo: di sicuro farci il pane pesto per il fritto misto, ma mi informerò :)

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Concordo, tieni duro, questa iniziativa non deve morire. E naturalmente mandiamo ricche maledizioni ai padroni del web.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finito il momento buio tra breve abbandono blogspot (me ne vado da tutto ciò che è google!) e mi sono comprata il dominio .info... unico disponibile ;)
      Un abbraccio e grazie per il sostegno!

      Elimina
  3. I visited Italy last summer and ate Panzanella several times in my dream! Finally I can eat real Panzanella. Thanks for the recipe. Grazie :-)

    RispondiElimina

Lascia un commento!