venerdì 14 ottobre 2011

Il Funghetto



Quando Cibando mi ha contattata per scrivere delle recensioni (anzi, delle food experience) sui locali mi sono sentita un po' nervosa all'idea... ma devo dire che si sta rivelando un'esperienza interessante!

La recensione del Ristorante Il Funghetto ve la voglio presentare anche qui visto che si è trattato di un meraviglioso esordio! Ho amato particolarmente questo ristorante! Mangiavo talmente di gusto e chiacchieravo con lo chef con tale interesse da essermi dimenticata di scattare qualche foto ai bellissimi piatti (tranne questa triste foto della zuppa mezza mangiata!) ma che potrete vedere e godere appieno grazie ai magnifici scatti di Giulio Riotta allegati alla mia recensione sul blog di cibando.


Andare a mangiare al Funghetto a Borgo Grappa per chi vive a Roma potrebbe sembrare un viaggio troppo lungo, ma se cercate una cucina di pesce, semplice e raffinata, dove la materia prima è protagonista e tanto eccellente da non esigere praticamente altro, tornerete qui senza pensare alla tremenda via Pontina!

Ci è voluto un po' per arrivare ma il viaggio ne è davvero valsa la pena!

Il Funghetto nasce nel 1990 sulle ceneri di quello che era il ristorante del padre dello chef Michele Lombardi e che vide susseguirsi diverse gestioni prima del ritorno nelle mani di famiglia.

Siamo in due e ci accoglie Michela, moglie di Michele Lombardi. Il locale è spazioso e noto subito una grande quantità di conserve fatte in casa che Michela mi conferma essere preparate da lei e usate per accompagnare i formaggi e per la pasticceria.

L’interno è elegante e sobrio mentre l’esterno è più sontuoso e un po’ meno di mio gusto ma è talmente piacevole da farmi prediligere comunque l’area esterna. C’è un giardinetto con giochi per bambini che potrebbe essere di grande conforto per chi ha figli che non sanno stare seduti al tavolo. Da segnalare anche la presenza di un fasciatoio davanti al bagno che, per me, è segno di grande civiltà e attenzione.

Michela è molto gentile, ci accompagna al tavolo e ci spiega il menù con molta soddisfazione e competenza. Apprendiamo che il menù può variare secondo la stagione e la disponibilità del pescato.

Il menù è ricco di portate di pesce, tutto proveniente da Anzio, Terracina e, a spostarsi tanto, Gaeta, ma non mancano piatti di carne e una seria selezione di formaggi. Leggo anche molte proposte senza glutine per intolleranti.

Decidiamo di provare due menù degustazione: il Percorso in 13 passi, e il Menù del Buon Ricordo.
Il cestino del pane presenta diverse varietà e tutte fatte in casa. Ci viene anche portato un piatto di benvenuto con tre assaggini: vellutata di zucchine con ricotta di bufala, panzanella di crostacei con crostini e tonno affumicato con fichi freschi. Cominciamo benissimo. Tutto molto buono ed equilibrato e Michela ci spiega i piatti con dovizia e risponde felicemente alle mie domande.

Il primo menù si compone di un bellissimo piattone con otto diversi assaggi di antipasti di pesce dove persino le verdure usate da decorazione erano eccezionali (Michela ci ha saggiamente suggerito di assaggiare le zucchine marinate al centro del piatto); un piatto di spaghettoni con scampi, gamberi e pachino (che chiamano “assaggio” ma la porzione è generosa) con perfetta cottura della pasta, scampi e gamberi polposi e profumati e un gambero rosso zuccherino; un filetto di merluzzo con vellutata di finocchi al profumo di vaniglia e pomodorini confit con olio aromatizzato alle olive e tre assaggi di dessert.

Il menù del Buon Ricordo rientra nell’iniziativa dell’Unione Ristoranti Buon Ricordo che dal 1964 raccoglie ristoranti in tutta Italia che valorizzano quella che oggi si chiama cucina del territorio o cucina a km 0 e deve contenere una specialità esemplare del territorio in cui opera il ristorante o a cui si ispira la sua cucina. La specialità in questione è la zuppa espressa di pescato quotidiano che è stata una delle più buone che io abbia mai mangiato, con generosità di pesce e crostacei cotti alla perfezione.

Tra gli antipasti segnalo il merluzzo con scarola (che è stato una rivelazione per equilibrio di gusto e bontà), la freschissima insalata espressa di seppie, calamari e polpo e il morbido calamaro ripieno. Ottime tutte le verdure che accompagnano i piatti: fresche, croccanti, gustose e anch’esse della zona.

Accompagniamo il pranzo con due bicchieri di vino, un Pinot Grigio e un Grechetto. La lista dei vini è incredibile: cantina fornitissima, ben selezionata, con ottime proposte anche alla mescita e mezze bottiglie (da 375 ml), vini bianchi e rossi italiani e internazionali, ottime bottiglie per brindare e qualche rarità.

Tra i dessert, preparati con ottimi ingredienti da Michela e il suo aiutante, ci sono mousse di cioccolato fondente, gelati e sorbetti fatti in casa, millefoglie, semifreddo di mandorle in salsa di agrumi ma non bisogna lasciarsi sfuggire il tortino di pane con ciliegie e crumble e il bavarese con cornucopia di frutti di bosco.

Nel menù dedicato ai dolci è presente una selezione di vini da dessert con relativi abbinamenti, ottimi distillati e selezione di caffè, the e tisane accompagnati da piccola pasticceria.

Tutto il pasto è stato impeccabile e, parlando con il simpatico chef Michele Lombardi, capisco il perché: umiltà, tanto lavoro, materie prime freschissime, cotture rapide in forno a vapore per mantenerne il sapore e la genuinità, una passione per la cucina semplice, senza fronzoli, ma elegante e raffinata, l’amore e la collaborazione di una coppia che lavora insieme alla ricerca della qualità e una passione e un rispetto per gli ingredienti e il territorio che non si possono imparare.

I prezzi sono giusti e proporzionati alla qualità. Per un pasto come il nostro (assolutamente spropositato per due persone), spenderete circa 60 euro a persona (con vino alla mescita).

Il locale merita almeno una visita. E poi vorrete tornare.

IL FUNGHETTO
Via Litoranea 11412 
04010 Borgo Grappa (LT)
Tel: 0773 208 009
COSTO PASTO COMPLETO (con vino alla mescita): 60/70

8 commenti:

  1. Peccato non essere della zona.La zuppa sembra davvero invitante!!!

    RispondiElimina
  2. mi è un pò lontano ma quando scendo dai miei ci farò un salto. un bacio

    RispondiElimina
  3. Non conoscevo il tuo blog ma ora che l'ho scoperto,mi iscrivo volentieri..e' carinissimo e molto utile!Se vuoi dare un'occhiata al mio spazio,le porte sono aperte: qui!
    Approfitto per augurarti anche un buon fine settimana!

    RispondiElimina
  4. @LaMaciaZucca era TUTTO molto invitante!
    @Stefania Si si, dovresti ;)
    @Polvere di stelle BENVENUTA! lieta di trovare persone nuove ;)
    arrivo a sbirciare il tuo!!!

    RispondiElimina
  5. Beata te che assaggi tante cose buone e scopri posti sempre interessanti!

    RispondiElimina
  6. Mi piace molto questa tua ricetta, ciao

    RispondiElimina
  7. Ci piace questa nuova rubrica! Ma recensirai anche locali a Milano?

    RispondiElimina
  8. mi piace molto girovagare alla scoperta di posti dove mangiare e (soprattutto) stare bene. Di sicuro ci farò un salto, mi hai davvero incuriosita :-)
    complimenti per il blog!

    RispondiElimina

Lascia un commento!