sabato 4 dicembre 2010

Zulino e panini di polenta



Con la scusa di darvi una ricetta lampo, annuncio la nascita del mio nipotino! Questa mattina alle 5 è nato Zulino!! Lungo e secco, proprio come mia sorella. 


Ieri, mentre preparavo una polenta coi fiocchi (con tanto di sugo di salsicce) mi arriva la telefonata "mi si sono rotte le acque, mi vieni a prendere?" Mia sorella, mentre si dirigeva a casa mia per godersi la polenta, si perde le acque per strada. Accorro e la polenta viene dimenticata fino a stanotte (o mattina?) quando, tornata a casa, la ripongo in frigo e via.

Oggi, dopo essermi coccolata il mio Zulino, sono riuscita a godermi la polenta che, nel frattempo, si è addensata in un blocco unico. Tagliata a fettine, passata sulla piastra e condita con sugo, salsiccia e stracchino, è stata un successo e ce la siamo goduta in molti! Premetto che le salsicce devono essere buone, odio quelle troppo grasse e piene di pezzetti di cartilagine. Ne mangio solo due tipi: quelle di prosciutto che fa il macellaio/gioielliere sotto casa mia (sono magre, saporite ma non troppo e morbidissime) e quelle fatte dal macellaio di fiducia in campagna che non mi dice come le fa perché è geloso della sua ricetta (comunque sono un misto di carne di maiale e vitello, poco grasse e pieni di aromi che non identifico tutti).


Polenta 
Dosi per 6 persone
Per la polenta
polenta 500gr
sale


Per il sugo
pelati 2 barattoli (io uso i miei! d'estate preparo sughi e pomodori pelati!)
piccole salsicce di prosciutto
cipolle 2
vino bianco mezzo bicchiere


Preparare il sugo facendo appassire due cipolle medie con pochissimo olio in una capiente casseruola. Far sfumare mezzo bicchiere di vino bianco. Aggiungere le salsicce e lasciarle rosolare e insaporire. Buttare i pomodori nella pentola e lasciar cuocere a fiamma bassa fino a quando non saranno cotte le salsicce. Cuocere la polenta come riportato sulla confezione. Servire calda con il sugo e una salsiccia. Cosa che io non ho fatto!


Panini di polenta
Se avanza della polenta mettetela in una forma rettangolare (magari quella da plum cake) e riponetela in frigo. Il giorno dopo (ma anche due o tre! si mantiene!) sformatela, tagliatela a fettine spesse circa 1 cm e passatela sulla piastra. Riponete una fetta sul piatto, spalmate abbondante stracchino (o gorgonzola) e ricoprite con un'altra fetta di polenta a mo' di panino. Se fosse avanzato un po' di sugo o una salsiccia (come a me!) scaldatelo e condite il "panino". 
Se volete esagerare friggete le fette di polenta in padella con poco olio invece di passarle alla piastra. Bontà!




9 commenti:

  1. Immagino l'emozione nell'aver sentito tua sorella dirti che le si erano rotte le acque!! Congratulazioni da parte mia, che gioia l'arrivo di un bimbo!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Un forte abbraccio!
    ps. gran consiglio per riutilizzare la polenta il giorno dopo!
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  2. da nordica apprezzo molto la polenta. carina l'idea dei panini. auguri x il nipotino!

    RispondiElimina
  3. polenta e stracchino!!!!!!
    abbinamento meraviglioso...
    che bontà...
    mmmm, dovevo venire ma poi ho avuto
    un contrattempo.....
    ;-)

    RispondiElimina
  4. mamma da poco, mi sono commossa al pensiero di tua sorella che perde le acque per strada...è successo anche a me! Comunque, ricetta da provare assolutamente! Sembra buonissima.

    RispondiElimina
  5. @Strawberryblonde che bello! un maschio o una femmina? auguri allora! e comunque la ricetta è buona, credimi!

    RispondiElimina
  6. Maschietto!!!Grazie della visita!

    RispondiElimina
  7. Ottima idea di riciclo di polenta! E auguri per il nipotino che ormai avrà più di due mesi.. giusto?ù
    Complimenti per il bellissimo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 2 anni ormai grazia, la polenta se la magna anche il bambino :)

      APSC Gustosissimo questo blog.

      Elimina
    2. già... la mangia eccome!! non so cosa significhi APSC ma grazie ;)

      Elimina

Lascia un commento!